FORMAFANTASMA

Scopri

BIO

FORMAFANTASMA

Andrea Trimarchi (1983) e Simone Farresin (1980), laurati entrambi alla Design Academy di Eindhoven nel 2009, sono il duo italiano Formafantasma.

Con sede ad Amsterdam, il lavoro dello studio è quello di esplorare il ruolo del design nei mestieri popolari, nella relazione tra la tradizione e la cultura locale, nell’approccio critico alla sostenibilità e nel significato degli oggetti come vettori culturali. La pratica del design diventa un ponte che permette il dialogo tra artigianato, industria, oggetto e utente.

I loro progetti spesso partono da semplici elementi naturali. Nelle mani e nella mente dei Formafantasma gli elementi basici evolvono in rurali, fragili, dettagliati, precisi e puri design.

Formafantasma identifica il proprio ruolo come ponte tra artigianato, industria, oggetto e utente fruitore ed è interessato a mettere in relazione la propria pratica, incentrata sulla ricerca, e l’industria del design in senso lato.

Strata

In occasione di IMMCologne 2016, Alcantara e DAMN° hanno presentato l’evento “Touching Tales, The Alcantara Experience”.

Per questo progetto speciale, all’insegna della tattilità e della contemporaneità, quattro talentuosi studi di design indipendenti sono stati invitati a “sperimentare” l’omonimo materiale per creare inedite, sorprendenti installazioni, presentate al pubblico a Colonia.

Tra questi c’era il racconto materico di Formafantasma, in scena negli spazi suggestivi della Kunsthaus Rhenania sul Rheinauhafen, splendida location affacciata sul fiume Reno. Il duo italiano Formafantasma ha presentato il progetto Strata che poneva l’accento sulla versatilità e sui punti di forza di Alcantara, arrivando a ideare una serie di semplici elementi che suggerivano diverse applicazioni per il materiale, enfatizzandone il contrasto con altri elementi naturali come marmo, metallo e pietra.

Leggi di più su A-World

alcantara-immcologne-damn-strata-formafantasma-2 -

Formafantasma. Nervi in the making.

Al via la seconda edizione del progetto Studio Visit/Progetto Alcantara – MAXXI, che nel 2019 vede il duo di designer italiani Formafantasma confrontarsi con il genio di Pier Luigi Nervi.

Dopo aver consultato gli archivi del MAXXI Architettura, Trimarchi e Farresin hanno infatti deciso di confrontarsi con l’opera Pier Luigi Nervi, presentando il progetto “Nervi in the making”, a cura di Domitilla Dardi, curatrice per il design del MAXXI.

I due designer si sono accostati all’archivio del maestro indiscusso nella progettazione del ferro-cemento per comprendere appieno il suo lavoro sulla materia, scoprendo inedite e inaspettate analogie con un materiale apparentemente molto diverso come l’Alcantara.

“Struttura – spiegano i Formafantasma – è la parola chiave che più di ogni altra accomuna i due materiali. Nervi ha dimostrato con una ricerca impressionante, fatta di prove, test e calcoli, le conquiste di cui il cemento poteva essere portatore. Grazie al suo lungimirante lavoro il nostro Paese è stato costruito negli ultimi sessant’anni. Noi ci siamo addentrati nell’Alcantara con uno spirito analogo e ne abbiamo studiato le ampie potenzialità di applicazione. Ma soprattutto abbiamo sperimentato ciò che lo rende un materiale unico nel suo genere, governato da una sorta di intelligenza artificiale che lo rende incredibilmente duttile”.

Il risultato è un’installazione che ricrea un ambiente, fisico e mentale al tempo stesso, a scatole cinesi per raccontare quanta importanza possa avere un materiale nel lavoro di un progettista.

Leggi di più su A-World

Vai alla press area

alcantara-studio-visit- maxxi-formafantasma-2 -
We Chat Close